Totaldac D1 Server, semplicemente il meglio per l’Hi-Res Audio

totaldac d1-server

L’azienda francese ha il suo programma già nel suo nome: la musica digitale ad alta risoluzione. E il Totaldac D1 Server si prefigge lo scopo di restituire all’ascoltatore il miglior suono possibile.

Chiamatelo network player, chiamatelo music streamer o chiamatelo music server. In realtà sono tre tipologie di apparecchi (leggermente) diversi, ma il Totaldac D1 Server assolve a tutte le funzioni dell’ecosistema HRA (Hi-Res Audio).

Il punto di forza del Totaldac D1 Server è il suo reclocker digitale, espressamente pensato per garantire rumori e jitter infinitesimali. Non solo. Il reclocker agisce anche sulla parte preamplificatore, dato che il D1 ha anche un ingresso digitale ausiliario a cui collegare un’altra periferica, come ad esempio un lettore CD.

A dispetto del nome dell’azienda, il D1 Server NON ha un DAC interno, ma solo uscite digitali per collegarsi a un convertitore esterno, meglio se della stessa Totaldac, ma in teoria di qualsiasi marca purché non basato su chip ESS.

Il Totaldac D1 Server è – ovviamente – comandabile da apposita App per iPad, che gestisce le comuni operazioni di play e soprattutto gestisce i collegamenti con dischi Ethernet (NAS), hard disk esterni USB o eSATA, permettendo anche le operazioni di copia e trasferimento dal computer domestico agli hard disk connessi la music server.

Totaldac D1 Server-back

Lavora fino a 24 bit e 192 KHz, ha una Xmos USB asincrona, ingressi digitali ottici e AES-EBU, tutti selezionabili da telecomando. Le frequenze di campionamento supportate sono le classiche 44.1 KHz, 48 KHz, 88.2 KHz, 96 KHz, 176.4 KHz e 192 KHz, ma l’ingresso ottico si ferma ai 96 KHz.

Il controllo del volume del Totaldac D1 Server è di tipo digitale e a 69 bit, il display di comunicazione è di tipo OLED, la modalità bit perfect è supportata e si può selezionare la polarità di fase da telecomando.

Di fatto, il Totaldac D1 Server è un mini-computer basato su un microprocessore ARM Cubox a 800 MHz e con Linux a bordo, il che significa velocità e bassi consumi, oltre alla possibilità di aggiornamento software via Ethernet o attraverso una microSD.

Tocco di classe, l’alimentazione di questo music server è esterna. Disponibile anche direttamente, il Totaldac D1 Server ha un prezzo al pubblico di euro 4.990.

shema-d1-server_eng

Produttore: TOTALDAC


Condividi sui social network: