Già da un po’ è uscito l’iFi iDSD Diablo, ma solo ora siamo stati in grado di analizzarlo più a fondo.

Si tratta di un DAC / amplificatore per cuffie hi-end, ovvero con un progetto, una costruzione e una scelta dei componenti senza compromessi.

Seppure iFi ci ha da sempre piacevolmente abituati a un rapporto qualità prezzo davvero ghiotto, stavolta i progettisti non hanno tenuto d’occhio il portafogli, anche se – a dircela tutta – nell’hi-end 1.000 euro sono spesso poco più che bruscolini.

Per contenere il più possibile il prezzo senza rinunciare alla filosofia di base (realizzare un DAC e ampli per cuffie senza compromessi) sono state eliminate tutte quelle features che interessano assai poco all’audiofilo duro e puro, a cominciare dal ricevitore Bluetooth.

diablo_DSF0445-rear

L’estetica, connessioni e componenti dell’iFi iDSD Diablo

A prima vista – a parte il colore rosso diavolo – l’estetica è quella tipica di molti prodotti iFi: dimensioni compatte e rotondità “a saponetta” che hanno fan e detrattori probabilmente in egual misura.

Sul frontale troviamo la presa per le cuffie sbilanciate (jack standard da 6,3 mm) e una per quelle bilanciate (Pentaconn da 4,4 mm), un selettore a 3 posizioni (di cui parleremo in seguito), la manopola del volume e il led che identifica l’accensione.

Per inciso, la connessione bilanciata è di tipo PureWave, ovvero in dual-mono con un percorso di segnale particolarmente corto.

Sul retro, invece, a dispetto dello spazio ridotto trovano comodamente posto 1 ingresso USB-A, 1 ingresso S/PIDIF, un’uscita bilanciata e una USB-C per l’alimentazione.

I capacitori usati sono i blasonati TDK C0G (Class 1 ceramic).

ifi-dsd-diablo-inn

I chip di conversione

La conversione è affidata a due Burr-Brown capaci di decodificare anche il formato MQA, oltre che i PCM fino a 768 kHz, DSD512 e DXD2x.

Entrando maggiormente in dettaglio, il chipset Burr-Brown True Native® conserva il segnale in dominio digitale fino “all’ultimo momento” ed evita come la peste – ad esempio – conversioni da DSD a PCM.

A fargli buona compagnia c’è un chip XMOS a 16 core che gestisce il flusso di dati dalla USB e dalla porta S/PIDIF.

Questo nuovo controller XMOS a bassa latenza offre il doppio della velocità di clock (2000 MIPS) e quattro volte la memoria (512 KB), nonché l’ultimo standard SuperSpeed USB.

Il firmware è stato programmato direttamente dai tecnici di iFi per lavorare al meglio con i convertitori Burr-Brown.

Il risultato è che – in ogni caso – il segnale viene trattato in modalità bit-perfect.

3 modalità di funzionamento

Anche la sezione dedicata all’amplificazione delle cuffie non lascia adito a dubbi: è realizzata alla grandissima e in grado di pilotare in scioltezza anche gli auricolari più ostici.

La potenza erogata è fino a 5000mW.

Con la modalità Turbo si pilotano le cuffie maggiormente affamate di potenza, Normal andrà bene per la maggior parte delle cuffie ed Eco è invece la modalità prevista per gli auricolari a bassa impedenza.

L’alimentazione è a batteria

Per l’iFi iDSD Diablo è stata messa in atto una cura maniacale per lo stadio di alimentazione, che è a batteria e che fornisce una corrente CC ultra pulita e stabile, evitando i problemi dell’elettricità di rete (come cali, picchi e RFI) che inducono rumore.

Il circuito di alimentazione ad alta larghezza di banda è dedicato a ciascuna parte critica del design di iDSD Diablo, con una regolazione lineare indipendente di tipo PSRR (Power Supply Rejection Ratio).

Lo stadio dell’amplificatore per cuffie evita i regolatori IC a favore dei condensatori OS-CON di Panasonic.

La sezione DAC beneficia di un regolatore a bassissimo rumore con filtraggio passivo aggiuntivo, che riduce la distorsione armonica di alto ordine e, a sua volta, il jitter.

Anche lo stadio di ingresso USB beneficia di una regolazione dedicata e di un filtro multistadio, e anche il circuito di controllo del microprocessore (spesso una fonte locale di rumore digitale) ha una regolazione separata.

Conclusioni

L’iFi iDSD Diablo è un DAC / amplificatore per cuffie davvero senza compromessi.

Va dritto al sodo e alla sostanza per garantire un ascolto il più vicino possibile a quanto contenuto nei file (o nei flussi di streaming), senza perdersi in specchietti per allodole che comunque poco appeal hanno verso l’audiofilo esigente e smaliziato.

Il prezzo (il listino è a 999 euro) lascia all’inizio un po’ smarriti in un settore – quello dei DAC – dove già alla metà del prezzo si comprano ottimi apparecchi, ma questo è un “campionato” diverso, qui la partita si gioca a un livello decisamente più alto. E il gioco vale la candela. 

Caratteristiche tecniche DAC / ampli per cuffie iFi iDSD Diablo

  • Digital Inputs USB 3.0 type ‘A’ (USB2.0 compatible), S-PDIF (3.5mm coaxial/optical)
  • Formats supported DSD512/256/128/64, Octa/Quad/Double/Single-Speed DSD, DXD (768/705.6/384/352.8kHz), Double/Single-Speed DXD, PCM (768/705.6/384/352.8/192/176.4/96/88.2/48/44.1 kHz), MQA (Decoder)
  • Frequency Response 10Hz-80kHz(-3dB)
  • SNR Balanced S-E -120dB
  • Dynamic range Balanced S-E 120dB; 114dB
  • THD + N Balanced S-E 0.002%; 0.001%
  • Headphone Max Output Balanced
  • Battery Lithium-polymer 4800mAh
  • Power System Charging via USB-C (iFi iPower included)
  • Dimensions 166 x 72 x 25 mm
  • Weight 330g