Lavry DA11, il DAC interamente controllabile dall’utente

Condividi!

Lavry-DA11

Il convertitore digitale/analogico Lavry DA11 ha tutta una serie di parametri programmabili e personalizzabili dall’utente. Promette, quindi, una nuova dimensione nell’esperienza di ascolto di musica liquida in HD.

L’ingresso USB è ormai d’ordinanza nei DAC, il telecomando è sempre più spesso in dotazione, ma non tutta una serie di parametri programmabili che vanno oltre le più sfrenate fantasie dell’audiofilo. Inoltre il DAC Lavry DA11 sfoggia la presenza del sistema proprietario PiC, Playback Image Control.

Probabilmente il più interessante parametro personalizzabile del DAC Lavry DA11 è il controllo dell’immagine stereo, gestito appunto dal circuito PiC; si rivela molto utile anche e soprattutto per personalizzare l’esperienza d’ascolto sulla base della propria posizione rispetto ai diffusori, che mille ragioni potrebbe essere non proprio ortodossa. Il PiC può lavorare anche per ottimizzare l’ascolto in cuffia e per renderlo più simile a quello tipico di una normale stanza.

Il set di ingressi e uscite del Lavry DA11 è davvero completo: USB, XLR, RCA e optical digital audio; tutti i connettori sono di alta alta qualità costruttiva.

Il telecomando a infrarossi, in dotazione, consente la completa gestione del DAC e inoltre è dotato del comando Mute che agisce sia sull’uscita in uso, sia sull’amplificatore per cuffia.

Il Lavry DA11 può funzionare come un vero e proprio preamplificatore e come tale essere connesso direttamente a un finale di potenza.

Caratteristiche tecniche DAC Lavry DA11 

  • Telecomando in dotazione
  • Accetta segnali fino a 24 bit e da 32 a 200 kHz (24/96 su Toslink e USB)
  • Ingressi digitali: XLR, USB, RCA (Coaxial) e Optical (Toslink)
  • THD+N al max volume: 0.000 8% FS, maximum 0.0013% FS a 20 Hz ÷ 20 KHz, –3 dBFS
  • Gamma dinamica: –112 dB

Produttore: LAVRY ENGINEERING

 


Condividi!