Pioneer N-50A

Condividi!

Pioneer N-50A

Dopo tre anni di onorato servizio, Pioneer aggiorna il network player – best seller, che ora diventa N-50A. Si tratta di un significativo upgrade della versione precedente, anche e soprattutto delle già ottime caratteristiche tecniche.

Anche se in Italia è stato per lo più introvabile, il Pioneer N-50 ha goduto di un buon successo anche da noi (grazie a Internet, ovviamente).

[amazon_link asins=’B00O8SLY6O’ template=’ProductAd’ store=’quotidi-21′ marketplace=’IT’ link_id=’183f0992-d8a0-11e6-b334-1f6b133e725d’]Senza dilungarci sul luminoso passato che fu, affrontiamo di petto il Pioneer N-50A, il nuovo network player del produttore giapponese, che non solo aggiorna la vecchia versione, ma gli fa compiere significativi passi avanti quanto a caratteristiche tecniche e performances.

LAN e WiFi sono entrambe disponibili (seppure la seconda in opzione), per catturare musica da PC, Mac e NAS, ma anche per sfruttare le oltre 20.000 Internet Radio tramite vTuner. Ovviamente non poteva mancare all’appello la connessione a Spotify, delizia (dei più giovani) e croce (degli audiofili integralisti) degli anni ’10.

A bordo c’è già anche l’AirPlay, il sistema proprietario di Apple e che rende il Pioneer N-50A pronto per lo streaming della musica dall’iPhone, dall’iPad o dall’iPod touch.

Non solo. È garantita la piena connettività ai server basati su iTunes e ai più generici (e versatili) basati su protocollo DLNA, rendendo il Pioneer N-50A non solo un network player, bensì anche un media player e un media render.

La porta USB asincrona posteriore supporta tutti i principali formati audio, DSD compreso, ma ci sono a disposizione anche TOSLINK, coassiale, USB per collegamento a un DAC esterno. Le risoluzioni supportate col DAC interno sono 32-bit/192 kHz e 5.6 MHz col DSD.

Un comodo display da 3,5 pollici consente di comunicare con l’utilizzatore e di visualizzare le copertine degli album.

Rispetto alle versione precedente, il Pioneer N-50A ha una maggiore estensione in frequenza, sulla gamma alta il punch è ancora più spettacolare.

Ma ciò che rende davvero spettacolare questo network player è il suo algoritmo di upsampling, in grado di restituire la dolcezza e la naturalezza del suono analogico anche in dominio completamente digitale.

[amazon_link asins=’B00O8SLY6O,B00OC9L38I,B00MXW229U,B00N43Z80M,B00628DFXI,B00628DGNM,B017BM4XXO,B01M4LSAFA’ template=’ProductCarousel’ store=’quotidi-21′ marketplace=’IT’ link_id=’25f2ba14-d8a0-11e6-a23d-e7ef0050e7ce’]

 

Caratteristiche tecniche network player Pioneer N-50A

  • File audio MP3, WMA, WAV, AAC, FLAC, ALAC Apple Lossless, AIFF, LPCM e DSD(*)
    (*)= non in wireless
  • Radio su Internet con vTuner
  • Spotify Connect
  • Apple AirPlay
  • DLNA (1.5)
  • USB anteriore
  • Ingressi: 1 ingresso ottico digitale, 1 ingresso coassiale digitale (placcato oro), 1 ingresso USB B (per DAC USB), 2 ingressi USB A, 1 ingresso LAN
  • Uscite: 1 uscita ottica digitale, 1 uscita coassiale digitale (placcata oro), 1 uscita analogica (placcata oro RCA)
  • Ethernet
  • LAN wireless (con l’adattatore AS-WL300 opzionale)
  • Hi-bit
  • Auto Sound Retriever
  • Auto Level Control
  • Doppi trasformatori
  • Gamma di frequenza: 4 ÷ 90.000 Hz
  • Rapporto segnale/rumore: >112 dB
  • Gamma dinamica: >117 dB
  • Distorsione armonica totale: <0,0012%
  • Separazione dei canali: >110 dB
  • Peso 7,5 kg
  • Dimensioni 435 x 99 x 331 mm

Produttore: PIONEER

[amazon_link asins=’B00O8SLY6O,B00OC9L38I,B00MXW229U,B00628DGNM,B00628DFXI,B00N43Z80M,B017BM4XXO,B01M4LSAFA’ template=’ProductCarousel’ store=’quotidi-21′ marketplace=’IT’ link_id=’30ddd4f3-d8a0-11e6-b1c8-8fe9938a41b8′]
Condividi!